Rainbow MagicLand Nuova attrazione nel 2019: si comincia!

di (dibilele),
Se ti è piaciuta la notizia, seguici su facebook

Rainbow MagicLand Nuova attrazione nel 2019: si comincia!

Ora possiamo finalmente scriverlo senza punto interrogativo: è arrivato il momento della svolta! Nel nostro ultimo articolo, infatti, abbiamo parlato di un apparente immobilismo che si sarebbe dovuto gradualmente sciogliere per portare Rainbow MagicLand di nuovo a crescere. Nell'ultima settimana i due principali spettacoli del parco sono stati spazzati via, rendendo il settore artistico ancora più povero. Ma questa volta si tratta di un’ottima notizia!

ADDIO ALLO STUNT SHOW: Non ci mancherà!

CirCuba e, per diretta dipendenza, Welcome in MagicLand rappresentano i primi due spettacoli ad essere stati eliminati il 30 giugno 2018. Si tratta di una operazione di nostro gradimento perché, come evidenziato nel nostro precedente articolo, questi spettacoli non hanno rappresentato nulla di significativo in un parco che è stato in grado di presentare ben altro. CirCuba al Gran Teatro è stato sostituito da un nuovo musical dedicato a Peter Pan. Questa è una questione che approfondiremo nel nostro prossimo articolo su Rainbow MagicLand che sarà pubblicato alla fine della prossima settimana, viste anche le polemiche di qualcuno che sono seguite a questa scelta.



Quello che più ci interessa oggi, però, è un qualcosa che strutturalmente cambierà il parco. Domenica 8 luglio 2018, sono state effettuate le ultime repliche dello stunt show. E per ultime, intendiamo proprio ultime! Perché ieri mattina sono iniziati i lavori per la costruzione della novità 2019 di Rainbow MagicLand. Dopo 6 anni il più grande parco divertimenti di Roma finalmente amplierà la sua offerta meccanica di attrazioni. Questa nuova attrazione occuperà l’area della (ormai ex) arena stunt. Ed è con immensa gioia che ieri abbiamo accolto la notizia, data da Rainbow MagicLand – Fans Page (che ci ha gentilmente concesso l’utilizzo delle foto), dello smantellamento dell’arena stunt.

Finalmente quel catafalco emetico, quell’oscena struttura, quell’accrocco immondo, quel dente cariato che da 6 anni deturpa mezzo parco non farà più parte di Rainbow MagicLand! E a prescindere dalla tipologia di attrazione scelta, a prescindere dal tema, dalle dimensioni, dal fatto che sia nuova o usata… questa è un’attrazione che aspettiamo dal momento in cui è stata installata quell’arena indecente nel 2012.

LE POLEMICHE DEI PEGGIORI CLIENTI

Se noi accogliamo con immensa gioia questa notizia, c’è chi invece non lo sta facendo. C’è chi inneggia al rimborso, chi invoca le prese in giro, chi propone soluzioni alternative. E noi siamo ancora più contenti nel vedere queste proteste perché negli anni le scelte scellerate effettuate nella selezione degli eventi e nella realizzazione di questa arena hanno danneggiato spropositatamente il parco (e la sua immagine) e hanno attirato una tipologia di clientela “minkiabordello” che non era lì per un parco a tema ma per gli eventi e per il trash. Quello spettacolo (per quanto migliorato in questa stagione) ha sempre rappresentato un tappabuchi momentaneo. E siamo contenti che la nuova attrazione venga costruita proprio lì, preservando tutti gli altri terreni liberi all’interno di Rainbow MagicLand ed eliminando una costruzione inguardabile. Uno spettacolo del genere può costare centinaia di migliaia di euro ogni anno ed è straordinario che finalmente si investano (anche) quei soldi per un qualcosa che strutturalmente FACCIA il parco, che strutturalmente lo consolidi, lo rinforzi e lo renda più competitivo.

Noi ci discostiamo completamente da chi protesta e integralmente sosteniamo in questa scelta Rainbow MagicLand, che finalmente è tornato ad investire. Una scelta che va un po’ contro corrente rispetto alle scelte fatte negli anni passati, che volge all’eliminazione di qualcosa di degradante e che quindi suscita le polemiche di chi si è abituato al peggio. Noi non ci siamo abituati a quella roba ed è per questo che oggi siamo felici di vederla abbattere.

Diciamo addio ad un'area brutta e in cui la gente si è abbrustolita per anni... E, a proposito, speriamo che il parco si sbrighi ad installare i teli sopra alle queue line delle varie attrazioni per evitare che i clienti si ustionino attendendo di provare l'attrazione per decine di minuti sotto al sole cocente. I teli sono probabilmente stati distrutti dalla neve di questo inverno. Siamo a luglio e ancora non si vedono le nuove coperture ombreggianti delle queue line (non è mai successo prima!).

LA NUOVA ATTRAZIONE

Non si conosce né la tipologia né il tema della novità 2019. La nuova attrazione viene annunciata con dei cartelloni attorno all’area di cantiere che si mostrano con un tema che ricorda un po’ Jungle Rapids di Gardaland. Non ci resta che attendere che i lavori vadano avanti e che il parco rilasci nuove informazioni, per conoscere precisamente la tipologia e per capire se il tema scelto sia effettivamente quello rappresentato sui cartelloni (o se si tratti semplicemente di temi di repertorio). È, in ogni caso, plausibile che la novità sia una attrazione acquatica, che arricchirebbe senz’altro quell’area del parco che è sempre stata la più povera e triste di Rainbow MagicLand.

Vi terremo aggiornati non appena si avranno ulteriori notizie.

Buon lavoro a Rainbow MagicLand!

Articolo redatto da Emanuele Di Bisceglie (dibilele)

Commenti

  • nessun commento

Per lasciare un commento bisogna essere registrati: Login o Registrati.