Biglietti dinamici Come funzionano e perché accontentano tutti

di (Hermy),
Se ti è piaciuta la notizia, seguici su facebook

 Biglietti dinamici - Come funzionano e perché accontentano tutti

Dynamitick è la startup milanese fondata nel 2016 che si occupa di ticketing parchi sfruttando il cosiddetto prezzo dinamico, strumento sempre più utilizzato dai parchi divertimento italiani per quanto riguarda la stabilizzazione di un tariffario appropriato che massimizzi i profitti.
Il primo parco acquatico in Italia ad utilizzare gli algoritmi di Dynamitick per stabilire il prezzo dell’ingresso è stato Acquasplash Franciacorta nell’estate del 2017, mentre Zoomarine è capofila tra le grandi strutture e lo scorso anno ha chiuso la stagione con un incremento di presenze attorno al 15% e con il +105% nelle vendite online. A partire da questa stagione altre strutture d’eccellenza come l’Acquario di Genova, l’Acquario di Livorno e Aquafan (Costa Edutainment), il bioparco Zoom di Torino, il Bioparco di Roma e Aquafelix hanno deciso di affidarsi al Dynamic Pricing.
In totale nel 2019 saranno più di 1 milione e mezzo i biglietti venduti nei parchi italiani con la dicitura.

IL BIGLIETTO DINAMICO
Per biglietto dinamico si intende un biglietto il cui prezzo varia al modificarsi di alcune condizioni come il meteo, le festività, le attrazioni aperte, le valutazioni degli utenti sui social network, il riempimento del parco e l’anticipo con cui si acquista il biglietto, sempre entro un prezzo minimo e un prezzo massimo stabiliti ad inizio stagione. Grazie al prezzo dinamico il parco può offrire ai clienti il biglietto al giusto prezzo in ogni momento.
Per quanto riguarda le strutture, dall'introduzione del biglietto a prezzo dinamico si registra una riduzione delle code alle casse grazie ad un incremento delle vendite online, un maggior numero di biglietti venduti con un pricing più adeguato e una migliore capacità di prevedere i flussi nel corso della stagione con la conseguente ottimizzazione del personale.
Grazie al prezzo dinamico i parchi incrementano anche il potere del pubblico che ha la possibilità di scegliere il giorno in cui visitare il parco in base al prezzo che vuole pagare e di risparmiare fino al 40% acquistando con largo anticipo o per giornate con minor richiesta.

COSA NE PENSANO I GUEST
Da una survey interna realizzata tra gli utenti del bioparco Zoom di Torino, che da quest’anno ha scelto di adottare il prezzo dinamico per i biglietti d’ingresso, emerge infatti come il 35% degli utenti abbia acquistato online e che il 60% di questi l’abbia fatto con l’obiettivo di risparmiare. Il 65% degli intervistati ha dichiarato inoltre di aver compreso il funzionamento del prezzo dinamico e di valutare abitualmente il meteo, la data e il prezzo del biglietto prima di scegliere di visitare un parco. Per il 90% dei fruitori intervistati all’uscita del parco, il prezzo del biglietto è risultato coerente con l’esperienza vissuta.

LA DICHIARAZIONE DI FEDERICO QUARATO
“La discriminazione dei prezzi con il supporto dell’intelligenza artificiale per un parco è fondamentale per prevedere i flussi di domanda e adattare il proprio prezzo alla reale domanda del mercato, anche nei casi in cui sia influenzata da fattori che non sono sotto la gestione del parco come il meteo – dichiara Federico Quarato, CEO di Dynamitick – L’industria del divertimento è in continua crescita grazie anche al corretto uso delle nuove tecnologie. Siamo orgogliosi di essere al fianco di così tanti parchi nel nostro paese”.

In copertina l'esempio di ZooMarine con i diversi prezzi a seconda del giorno scelto.

Commenti

  • nessun commento

Per lasciare un commento bisogna essere registrati: Login o Registrati.

Lo sapevi che...
I Rollercoaster in Italia sono chiamati "montagne russe" e in Russia "montagne americane"?
Cerca parco