Community Uno di noi ha costruito un animatrone per la tesi (e parla anche di sex dolls)

di (Hermy),
Se ti è piaciuta la notizia, seguici su facebook

 Community - Uno di noi ha costruito un animatrone per la tesi (e parla anche di sex dolls)

[Nella foto Diego Santangeli e il suo professore Pierluigi Capucci]

Avreste mai pensato che un animatronic potesse diventare argomento di tesi? E' il caso del progetto portato avanti da Diego Santangeli che, in ambito accademico, ha voluto approfondire l'ambito robotico in l'ambiente amusement.
"Le motivazioni che mi hanno spinto ad approfondire tale tema hanno una duplice natura: sia l’interesse personale nell'ambito tecnologico e nell'utilizzo della tecnologia animatronica sia l'ambiente dell'intrattenimento e la possibilità di poter sviluppare, nel mio piccolo, un animatronic funzionante" ci dice Diego parlando del proprio lavoro.

La tesi è articolata in sette capitoli: nel primo capitolo viene fornita un’introduzione sul mondo della robotica e dell'animatronica; nel secondo si scopre la nascita, l'evoluzione e l'utilizzo nei parchi a tema degli animatronics; il terzo capitolo mostra come questa tecnologia sia uscita dal recinto dei parchi tematici approdando nel mondo dello spettacolo, come ad esempio in "Walking with Dinosaurs” e sul grande schermo; nel quarto capitolo viene mostrato un ulteriore sviluppo da parte della tecnologia animatronica avvicinatasi al grande pubblico con la presenza di electronic pet (da Furby ad Aibo) e delle Sex Doll (Real Doll); nel quinto capitolo viene presa in analisi l'intelligenza artificiale, la comparsa del robot nel mondo lavorativo e quella che diventerà una nuova etica per il rapporto uomo– macchina; nel sesto capito si procede immaginando l'evoluzione futura della tecnologia animatronica, assieme all'IA e alla sua influenza sull'uomo. Il settimo capitolo è, infine, dedicato al progetto “Volto animatronico interattivo” nel quale il fruitore può interagire con la macchina scegliendo l'azione che dovrà compiere attraverso un interfaccia web appositamente realizzata.

"Questo ultimo aspetto è messo in luce da una mia creazione che ha come volto un calco del mio viso e come audio la mia voce: si presenta quindi come un selfie animaronico, una versione di me robotizzata come esempio di fusione tra uomo e macchina." prosegue Diego.
"Sono tante le persone da ringraziare: professori, amici, e genitori. Ma voglio dedicare anche un pensiero alla community di Theparks.it per la disponibilità e la condivisione delle informazioni, perché è anche grazie agli appassionati di parchi di divertimento, come me, se la mia tesi è decollata" ci confessa orgoglioso.

Di seguito trovate il video relativo alla tesi e alla creazione del "selfie" animatronico.

Il sito ufficiale di Diego Santangeli

Commenti

  • nessun commento

Per lasciare un commento bisogna essere registrati: Login o Registrati.

Lo sapevi che...
I Rollercoaster in Italia sono chiamati "montagne russe" e in Russia "montagne americane"?
Cerca parco