Jurassic World SPOILER Cosa salvare e cosa demolire del sequel di Jurassic Park?

di (Hermy),
Se ti è piaciuta la notizia, seguici su facebook

 Jurassic World - SPOILER Cosa salvare e cosa demolire del sequel di Jurassic Park?

Jurassic World, il film che aspetto da una vita per riprendermi dal III capitolo. Il film in cui si è deciso di aprire il parco finalmente. Ma è un miraggio, perché le dolenti note non tardano ad arrivare.

Inutile che io vi dica che qui sotto c'è parecchio spoiler e che tutto ciò che viene detto è il mio inutilissimo e acidissimo parere di stra-fan della saga di Jurassic Park.

Cosa mi piace di Jurassic World?

L'idea di un parco aperto al pubblico, la vaga sensazione che se arriva l'Indominus Rex in Main Street è una catastrofe. La prima mezzora del film mostra le nostre tanto amate attrazioni: la Monorotaia, i Kayak, il Playground con i dinosauri formato bonsai, la Girosfera, One Ocean in versione Dino, la mitica "discesa" degli spalti sotto la piscina per vedere il Mosasauro sgranocchiare il suo pranzo. E'una gioia per gli occhi l'atmosfera da parco, le code, e l'iconico Cast Member che, annoiato, saluta i guest in partenza dalla stazione. Vi sentirete a casa di sicuro! Ci sono pure gli Scan Band in stile Disney! Cosa volere di più?

Forse di più c'è solo il ritrovamento di Jurassic Park di 20 anni fa ricoperto da muschi e licheni, una citazione che da sola doveva bastare per farci venire la nostalgia di Alan e pure dell'Avvocato Gennaro. L'immagine del Velociraptor dipinto sul muro/vetro che ci fa irrimediabilmente pensare alla gelatina di Lex tremolante, l'ingresso con lo scheletro e il manifesto del tempo in cui "i dinosauri dominavano la terra". Grazie Trevorrow, ci hai fatto tornare al passato e siamo tutti commossi. Ora basta però, perché se indugi ancora un po' lo odierò sempre di più il tuo nuovo film. Cosa apprezzare ancora? Beh il musone dell'Indominus che spunta un po' ovunque per poter azzannare qualsiasi cosa si muova. Quello può far accapponare la pelle in qualche momento. La battaglia finale tra il nostro tanto caro T-Rex con la speciale partecipazione del Mosasauro... si fa guardare e assaporare in tutto e per tutto. Chris Pratt si salva. Grazie ad una ventata di ironia, anche se modest, in più parti del film. Insopportabile, invece, la redenzione di Miss Maniaca-del-controllo che si redime con un fucile in mano (ma per favore...) e la lagnosa presenza della relazione amorevole tra due fratelli che si aggiusta in situazioni di stress. Rivogliamo l'isterica Lex con il suo logorroico fratello che si sopportano a malapena e che non hanno bisogno di confermare a parole che sono amici per la pelle e per sempre, dopo l'attacco di questo o quell'altro dinosauro. Bastano i fatti, basta rinchiudersi dentro un forno di una cucina metallica, per sfuggire ai raptor, per capirlo.

Cosa mi fa saltare i nervi?

Jurassic World è autoreferenziale. Si riferisce sempre e solo a se stesso. Ci sono due fratelli che devono andare sull'isola senza i proprio genitori. Ma va? C'è una zia che come il nonno affida i bimbi ad altri e le cose si metteranno male... No sul serio? C'è l'esercito Ingen pronto a intervenire per esautorare Jurassic World stesso (secondo film). E ancora una volta la Ingen vuole in tutti i modi utilizzare i dinosauri per altri scopi (secondo film con il parco a San Diego), e lo vuole fare - e qui sta la novità - in campo di battaglia al posto dei droni. Ditemi che è uno scherzo. C'è la zia che deve ritrovare i nipoti dentro una Girosfera vuota utilizzata come palla da calcio da Indominus e company (beh non proprio un auto rovesciata caduta da un albero ma il succo è quello). I ragazzi sono la fuori da soli! Il dolce e serafico Dottor Wu diventa il cattivo di turno e si improvvisa Denis Nedri rubando (ancora una volta) embrioni con dna interrotto e riempito, questa volta, non più con DNA di anfibio [cit.] ma non si sa con quale pesce o serpente che lo fa mimetizzare e rendere invisibile al rilevamento termico Oltre al fatto che anche il nostro Indominus ha ucciso il fratello, proprio come era successo nella gabbia dei Velociraptor nel primo film. Cosa succede per tutto il film? Si scappa dequà e dellà, e si cerca di far fuori il nostro rettilone ibrido omicida invano.

Scusate ma il parco non era mica aperto? E tutta la gente dopo questa falla nella sicurezza? La si vede in circa 5 minuti di attacco sulla main street da parte di Pterodattili sanguinari. La si vede 1 minuto rinchiusa non si sa dove in attesa di un traghetto e poi 30 secondi alla fine in un hangar. Eh no, non puoi di certo accontentarmi se mi fai intendere che il pubblico sarà parte attiva del film quando invece si nota pochissimo.
Non sono una grande esperta degli effetti speciali: l'ho visto in 3d e posso affermare che ci sono scene in cui è palese l'inconsistenza sia di Dinosauri che di parco stesso. Qualche animatrone penso ci sia stato nelle scene in primo piano (vedi Brachiosauro ferito evidente richiamo alla Triceratopa del primo film) e quello è apprezzabile perché da un senso di realtà che la computer grafica ancora si sogna.

Jurassic World è un film godibile, molto molto carino se non avete visto i precedenti, difficile da digerire se si è seguita tutta la tiritera di Trevorrow and co. che avevano giurato non fosse un reboot ma un sequel. Dai; il film è per la quasi totalità un reboot in chiave 2015 con sceneggiatura e personaggi caratterizzanti in un'atmosfera molto più easy (poche scene di notte, non piove, niente temporali, niente vento, niente natura), e tutto molto più lineare e didascalico, in definitiva banale.

Da vedere? Certamente... E' degno di essere ricordato per me? Forse al pari del III Jurassic Park o di poco superiore... E prima che lo diciate voi... ok, non si possono riportare in auge i fasti dei film passati... Però se non si è capaci, forse, e dico forse... è meglio desistere. Mentre invece, con tutta probabilità, ci ritroveremo un secondo e un terzo film... non vedo l'ora di vedere il settimo nucleo Velociraptor in missione in Afghanistan.

Commenti

  • 12 giugno 2015
    Zambo83 dice: C'è da considerare che Jurassic Park è il capostipite della Computer Grafica. Per la prima volta "animali irreali" interagivano con i personaggi e l'ambientazione reale. Spero di vederlo per apprezzare nuovi sviluppi degli effetti speciali dato che dalla recensione ho capito che sulla sceneggiatura non ho niente di nuovo da vedere..

Per lasciare un commento bisogna essere registrati: Login o Registrati.

Lo sapevi che...
I Rollercoaster in Italia sono chiamati "montagne russe" e in Russia "montagne americane"?
Cerca parco