Ferrari land Tutte le 11 attrazioni di Ferrariland

di (Hermy),
Se ti è piaciuta la notizia, seguici su facebook

Ferrari land Tutte le 11 attrazioni di Ferrariland

“Spesso mi viene chiesto se mio padre sarebbe felice riguardo alla strada intrapresa dalla Ferrari nell’ambito dei parchi a tema. Io sono sicuro di sì. Sarebbe molto contento di tutte le persone che amano la nostra compagnia e il nostro brand”. Sono queste le parole utilizzate da Piero Ferrari all'inaugurazione di FerrariLand che si è tenuta oggi, 6 aprile 2016 a Salou (Spagna). Presenti i vertici di Ferrari, l’ex pilota Mark Genè, che ha fornito le sue impressioni sul coaster, e tutta la direzione di Port Aventura Park.

Ma oggi è anche il gran giorno di Red Force: sarà il roller coaster più alto e più veloce d’Europa. La cerimonia del taglio del nastro si è tenuta all'ombra del gigante rosso con tanto di sbandieratori, fuochi artificiali e artisti internazionali. Il parco si presenta come second gate del noto resort PortAventura, parco divertimenti che sorge a sud di Barcellona. Ferrariland conta 11 attrazioni dedicate alle auto della scuderia Ferrari e, più in generale, a tutto ciò che ha a che fare con il Cavallino Rampante. Ma vediamo nel dettaglio cosa ci riserva questo nuovo parco divertimenti.

Attrazioni thrill

1) Red Force – E' l’acceleratore verticale (launched coaster intamin) che batte record di altezza e velocità in Europa. Da 0 a 180 Km/h in 5 secondi, con la particolarità di effettuare un numero di rollback stimato in una percentuale del 10%. Il vento e il clima della zona in cui sorge il parco, infatti, rendono favorevole quest’esperienza. Di cosa si tratta nello specifico? Semplice, un ritorno in stazione senza che il treno riesca a superare il top hat, l’elemento che costituisce l’acceleratore verticale. Il lancio è potente, comparabile a quello di Furius Baco. Per metà lancio si viene trascinati per bene, dopodiché, quando si ha la netta sensazione di non poterne più, il treno oltrepassa la zona di spinta e si è subito sul top hat. Alla sommità si può nuovamente respirare. Visto che il treno rallenta è possibile anche guardarsi attorno per qualche istante. Dopodiché è il momento di alzare le mani per la discesa che è davvero sublime. Il “saltino” finale, molto discusso nelle community fin dal primo momento in cui è stato installato, non dà segni di essere un elemento sensato. La stazione è ben tematizzata con ledwall e cofani di Ferrari qua e là. Chi non sale su Red Force può sfruttare la “tribuna” che è stata costruita a ridosso del LSM. Stando comodamente seduti è possibile, grazie ad una videocamera live, vedere amici e parenti in procinto di salire sul treno in stazione. Funzione utilissima per essere pronti a scattare fotografie o video (sempre se si è abbastanza veloci). Le restrizioni di altezza sono le seguenti: min 1.40, max 1.95. Forze g ne abbiamo? Certo siamo attorno a 1.3 nel lancio.

2) Torri- Sono due, sono della S&S e si occupano di lanciare e lasciar cadere. La tematizzazione è presto detta: due pistoni alti 55 metri che si alternano nei movimenti. La drop tower lascia cadere gli ospiti dall’alto verso il basso, la bounce back tower li spara verso l’alto. Limitazioni: min 1.30, max 1.95.

Attrazioni adatte a tutti

3) Pole Position Challenge- E' il nome dei simulatori semi-professionali di F1. L’altezza minima per poter salire è di 1.40. L’attrazione è a pagamento su prenotazione.

4) Maranello Grand Race - Si tratta di un circuito di auto elettriche lungo 550 metri rivolto alle famiglie per dare la sensazione di guidare in una pista in miniatura. I bambini sopra 1.20 m possono salire accompagnati, i ragazzi 1.40 m possono salire da soli. Oggi l’attrazione non era ancora aperta. Il layout è forse un po’ assolato e non è possibile scorgere molti elementi di theming, almeno dalla zona pedonabile.

5) Junior Championship - Attrazione kiddie nella quale piccole auto sbandano a destra e a sinistra con rapidi movimenti.

6) Pit Stop Record – E’ un simulatore di Pit Stop nel quale, a squadre, occorre sfidarsi per cambiare le gomme ad una Ferrari. L’attrazione è a pagamento.

7) Ferrari Experience: 4000 metri quadrati nel cuore del parco dove l’amusement incontra la storia della Ferrari.

8) Flying Dreams – La grande rivelazione! Il teatro flying esiste e si trova all’interno della cosiddetta Ferrari Experience. Il pre-show (zona di queue) è immersivo e strabiliante. Il 3d mapping è utilizzato ampiamente ma con saggezza. Ci sono diversi step prima di poter accedere al flying vero e proprio. E’ probabile che il tutto serva per smaltire la portata oraria non proprio alta. Infine il teatro. Si compone di un filmato a 180° che si può osservare avendo la sensazione di volare attorno al mondo (al seguito di una Ferrari ovviamente). L’esperienza è di sicuro un must per gli amanti del genere. C’è da dire però che è troppo visibile il soffitto scuro che fa da netto contrasto con la proiezione che, peraltro, è davvero ben girata.


[Particolare del pre-show che è comune ad entrambe le attrazioni di Ferrari Experience]

9) Racing Legends – Il secondo “segreto” di FerrariLand Experience è questo simulatore che sfrutta quattro gondole a forma di auto le quali si interfacciano con il filmato proiettato su schermo dome. La qualità è nettamente inferiore rispetto al Flying. Il filmato è carino ma adatto ad un pubblico piuttosto family e molto kiddie. E’ preferibile scegliere uno dei simulatori centrali piuttosto che uno laterale. La visione è troppo deformata dagli angoli del teatro.

10) Ferrari Land Gallery – Vi sono esposti diversi modelli di Ferrari: le mura raccontano la storia del marchio.

Attrazioni adatte ai più piccoli

11) Kid’s Podium – Un playground libero (e molto piccolo) pensato per i bambini dai 3 ai 12 anni.

Calpestabilità

Il parco presenta due ingressi. Il primo individuale, il secondo invece collega Ferrariland a PortAventura Park (area Mediterranea). Piazza Enzo Ferrari accoglie i visitatori sotto la grande insegna del parco. Oltre vi è piazza Maranello che fa da contraltare a Ferrari Experience, la “calotta” attorno alla quale si snodano via Maranello, via Fiorano e via Italia. Tutte le attrazioni sorgono attorno a questo enorme edificio. L’ultimo spazio che si protende affianco al launched porta ad un’area utilizzata per l’acrobatic show.

Ristorazione e negozio

Nel parco troviamo Ristorante Cavallino, ovvero una trattoria a la carte con ricette tipicamente italiane, un self service denominato Pit Lane con cucina e pizza e infine Paddock, un fast food con piatti internazionali. Presenti anche chioschi con gelati, hot dog e waffle. Lo store ufficiale, con i prodotti brandizzati Ferrari, si trova non lontano dall’ingresso. Vi sono poi un negozio di dolci e un punto foto dove è possibile acquistare gli scatti on ride di Red Force, Maranello Grand Race, Ferrari Land Gallery,Pit Stop Record. Su alcune attrazioni, come Red Force, è disponibile anche il video on board.

Spettacoli

Al parco vengono presentati giornalmente anche tre spettacoli. Acrobatic Ferrari Land va in scena ai piedi di Red Force e vede la partecipazione internazionale di acrobati, ballerini, BMX, atleti di pallacanestro acrobatica, ginnasti e saltatori. Lo spettacolo è ripetuto tre volte nei giorni feriali e quattro nei festivi. Dancing in Ferrariland e Italian Folklore sono invece due street show con coreografia e musiche che richiamano la tradizione italiana.

Express Pass

Il fast pass per Red Force, Thrill Towers, Racooing Legends, Flying Dreams e Maranello Grand Race è disponibile al costo di 30 euro. Attenzione perché il saltacoda vale un solo accesso per attrazione (argh ndr).

Theming

L’Italia è, come d’ovvio, presente ovunque. Vi è la ricostruzione in miniatura di piazza San Marco, del Colosseo, ma anche dei luoghi storici del cavallino rampante come la casa di Enzo o la fabbrica di Ferrari. Seppur il parco non possa dirsi grande non si ha l’impressione che tutto sia visibile in un solo sguardo dall'ingresso. Alcuni piacevoli angoli si scoprono passeggiando attorno alla Ferrari Experience: vi è una fontana, il patio del ristorante, modelli di auto esposti sotto Red Force. Indubbiamente è un parco con molto potenziale in termini di tematizzazione se questa cura dei dettagli verrà mantenuta anche in futuro.

Impressione generale

E’ un parco da visitare con la consapevolezza che si tratta di un second gate. Chi viene a PortAventura deve concedersi mezza giornata per vederlo. Sia che quel qualcuno ami le auto, sia che adori i parchi. E’ prevista anche un’apertura serale e, a mio avviso, andrà di sicuro visto illuminato, con la possibilità di fare Red Force al buio (i puristi qui mi capiranno) e di evitare il troppo caldo che spesso si abbatte su parchi da poco aperti con poche aree ombreggiate.

Di seguito alcuni scatti della conferenza stampa e cerimonia di apertura con Piero Ferrari e Mark Genè.

Altre foto, video e molto (ma molto) altro nei prossimi giorni.

QUI maggiori informazioni riguardo ai prezzi dei biglietti.


Commenti

  • nessun commento

Per lasciare un commento bisogna essere registrati: Login o Registrati.